OSTEOPATIA

L’ Osteopatia è una medicina non convenzionale che utilizza tecniche manuali sia in fase diagnostica che in fase di trattamento. E’ nata negli Stati Uniti nel 1874 ad opera di A. T. Still che nel 1892 fondò l’American School of Ostheopaty, prima istituzione didattica in campo osteopatico. Come la medicina allopatica si fonda sulla completa conoscenza dell’anatomia, della fisiologia e della biomeccanica umana, ma al contrario della medicina non utilizza farmaci o strumenti medicali ed è indirizzata all’identificazione e al trattamento delle disfunzioni che alterano la funzionalità dei sistemi e la loro capacità di interagire fisiologicamente tra loro. L’osteopatia è quindi indirizzata al trattamento della causa disfunzionale e non al trattamento del sintomo, che viene invece letto come espressione del corpo in relazione ad una causa scatenante. Dal punto di vista osteopatico il movimento è alla base dell’interazione di tutti i sistemi, dal più piccolo al più grande, e per questo motivo il sistema muscolo-scheletrico rappresenta la via di comunicazione principale per il riequilibrio fisiologico dell’intero organismo.

I principi su cui si basa l’ osteopatia sono i seguenti:
– Il corpo è un’unità dinamica:
ogni sua parte è in costante relazione con le altre attraverso molteplici meccanismi anatomici e biologici.
– Il corpo possiede meccanismi di auto-regolazione e auto-guarigione:
esiste un meccanismo denominato omeostasi che ha la funzione di regolare continuamente l’equilibrio fisiologico e biochimico del corpo attraverso il controllo dei processi respiratori, circolatori, metabolici e immunitari. Esiste però un limite oltre il quale non riesce ad agire e a contrastare l’insorgere di una malattia. L’obiettivo del trattamento osteopatico è quello di aiutare l’organismo a ritrovare il proprio equilibrio omeostatico e poter attivare quindi al meglio le proprie capacità adattative e difensive. Molto utile quindi anche in fase di prevenzione.
– Relazione tra struttura e funzione:
la struttura controlla la funzione e la funzione condiziona la struttura. In questo contesto l’osteopatia riconosce al sistema muscolo-scheletrico una posizione principe dovuta ai rapporti che detiene con le altre strutture quali visceri, vasi e nervi. Per questo motivo gli ostacoli dei sistemi di autoregolazione vengono principalmente ricercati attraverso questo sistema, soprattutto a livello del rachide ed a livello cranio-sacrale dato i loro intimi rapporti con il SNC.
– Il movimento come manifestazione fondamentale della vita:
nel corpo umano esistono movimenti volontari e movimenti involontari, macro-movimenti e micro-movimenti. Una limitata mobilità sia della componente volontaria che di quella involontaria spesso è causata da impedimenti strutturali. In questo contesto l’osteopatia interviene individuando le aree di alterata o assente mobilità cercando di ripristinare il movimento fisilogico.
– Libera circolazione dei fluidi:
il sangue e la linfa, come altri fluidi corporei, permettono il nutrimento, l’ossigenazione, il drenaggio e la depurazione dei tessuti, oltre a costituire una fondamentale via di comunicazione e di difesa dell’organismo. Il trattamento osteopatico si pone quindi l’obiettivo di ripristinare una buona circolazione dei fluidi sia locale che generale al fine di permettere il completo espletamento della fisiologia organica.

Ambiti di intervento dell’Osteopatia
Il trattamento osteopatico è una terapia manuale adatta a tutti, dal neonato all’anziano, ed è efficace sia sui disturbi cronici che su quelli acuti:
– Dolori Cervicali
– Dolori Lombari
– Dolori Articolari in genere
– Dolori Muscolari in genere
– Cefalee
– Alterazioni dell’Equilibrio
– Affezioni congestizie quali Otiti, Riniti, Sinusiti
– Disordini Temporo-Mandibolari
– Disturbi Digestivi ed Intestinali
– Disturbi Ginecologici quali Incontinenza Urinaria e Dolori Pelvici
– Dolori legati alla Gavidanza e al Post-Partum

Ambulatorio Osteopatia Centro Palmer
  • Osteopatia in Gravidanza e post-partum

    Durante la gravidanza la donna subisce innumerevoli cambiamenti strutturali al fine di facilitare la crescita del bambino nel suo grembo, ma questi cambiamenti spesso sottopongo il sistema muscolo-scheletrico ad un carico allopatico che l’organismo non riesce a compensare. Il trattamento osteopatico è quindi molto utile per mantenere un’adeguata elasticità tissutale e una buona mobilità articolare al fine di migliorare al qualità di vita durante la progressione della gravidanza, e di facilitare la fase di travaglio e di espulsione durante il parto.
    Dopo il parto velocizza il recupero e riduce il dolore dovuto ad eventuali lacerazioni, episiotomia o cesareo. Allevia inoltre i dolori muscolari ed articolari dovuti al sovraccarico funzionale causato dalle posizioni mantenute durante l’allattamento e la cura del neonato. E’ molto utile inoltre per velocizzare il riequilibrio funzionale del pavimento pelvico ed evitare così postumi quali incontinenza da sforzo.

  • Osteopatia in ambito pediatrico

    L’osteopatia è molto efficace nel trattamento di problematiche molto comuni che colpiscono il bambino, spesso derivanti dalla dinamica del parto sia eutocico che distocico quali:
    – rigurgiti e reflusso gastro-esofageo
    – coliche gassose
    – stitichezza
    – otiti e sinusiti ricorrenti
    – deformazioni craniche tipiche dei primi mesi di vita
    – torcicollo miogeno congenito
    – difficoltà a riposare

  • Osteopatia e Terza età

    Il trattamento osteopatico è molto utile nell’alleviare le sintomatologie tipiche dell’età avanzata, quali soprattutto dolori articolari, muscolari e nevralgici, spesso postumi del lavoro svolto e dei traumi subiti in precedenza, donando una qualità di vita decisamente superiore all’individuo.

  • Osteopatia e Sport

    Durante l’attività sportiva la frequenza e l’intensità dei movimenti causano una forte sollecitazione di muscoli , tendini, legamenti ed articolazioni, che in alcuni casi vengono predisposti a fenomeni di degenerazione non sempre sintomatici all’esordio. Improvvisamente poi compaiono i primi sintomi che provocano una riduzione del livello di prestazione e predispongono la struttura ad un infortunio di maggior entità. Ogni disciplina sportiva è contraddistinta statisticamente da una serie di patologie muscolo- scheletriche che quando si manifestano risultano fortemente debilitanti sia nell’atleta che nell’amatore: ad esempio lesione del crociato negli sciatori, epicondilite nei tennisti e nei golfisti, lesioni muscolari, tendinee e legamentose nei calciatori e nei cestisti… L’osteopatia può quindi essere un valido aiuto nello sportivo per risolvere eventuali disequilibri che si sono stratificati nel tempo e prevenire così disturbi più gravi ed al tempo stesso per rendere l’organismo più funzionale nell’espletamento del gesto atletico, migliorando così la qualità della prestazione.

  • Modalità e durata delle visite

    Prima visita:
    Durata circa 2 ore
    Svolgimento: raccolta anamnestica, osservazione del paziente, test della mobilità attiva e passiva, test neurologici, ortopedici ed osteopatici in base alle necessità diagnostiche, inizio del trattamento, colloquio con il paziente per l’esposizione del suo caso.

    Trattamento:
    Durata 1 ora
    Svolgimento: breve rivalutazione del paziente e trattamento completo, colloquio informativo.

    In caso di visite pediatriche i parametri sopra elencati non sono da tenere in considerazione, ma valuteremo in seguito come impostarle.

Prenota on-line
PRENOTA ON-LINE

Maggiori Informazioni

Medici Specialisti